La Medicina del Lavoro, nel concetto moderno da tutti ormai accettato, è la scienza che si propone come obiettivo la promozione e la conservazione del benessere fisico e psichico del lavoratore, attraverso una politica preventiva dei rischi insiti nell'ambiente di lavoro, sfruttando le conoscenze derivanti da molteplici branche non solamente mediche.

La tutela della salute e della sicurezza sul luogo di lavoro rappresenta un’assoluta priorità così come previsto e disciplinato dal TUSL (Testo Unico in materia di Salute e sicurezza sul Lavoro) nel DLgs 9 aprile 2008 n. 81, già corretto e integrato dal DLgs 3 agosto 2009 n. 106, e dalle ulteriori norme in materia. 


Le nuove norme introdotte dal D.lgs. 81/2008 per completare il disegno di riforma cominciato nel 2007 in materia di prevenzione e tutela della salute e della sicurezza sul luogo di lavoro, mirano a uniformare l’Italia agli standard normativi internazionali ed europei.

Obiettivo della Medicina del Lavoro è di tutelare la dimensione sociale del fenomeno infortunistico sui luoghi di lavoro operando sulle componenti mediche, tecniche, formative e preventive al fine di proteggere la salute e la vita dei lavoratori.